graficare | la comunicazione è nel nostro DNA

Icon

Fuga da facebook. The back home strategy

consiglio di lettura per l’estate

home-page-slide

direttamente dalla presentazione dell’autore:

Questo libro vuole essere una guida completa all’uso “consapevole” dei social per le aziende.
Verrà illustrata una nuova strategia per l’uso dei media sociali: la back home strategy. Partendo da una provocazione – la “fuga” da facebook, appunto – cercheremo di analizzare, e smontare, i miti sorti attorno al social media marketing negli ultimi anni.
Le aziende – spesso mal consigliate da agenzie digitali senza scrupoli, che profetizzano loro chissà quale miracolosi precipitano sui social network senza alcuna strategia.
Rischiano così di farsi fuorviare da un miraggio: accumulare il maggior numero possibile di fan o followers. bruciando, spesso, l’opportunità di usare i social a loro reale vantaggio. verranno date risposte a domande che non e più possibile ignorare: quanto valgono davvero i miei fan? Quanti di essi sono reali e quanti fasulli? Perchè la pubblicità su facebook non funziona? È davvero possibile calcolare il roi dei social media?
Una volta ridimensionato il valore dei social, sarà chiaro che un’azienda non deve subire le metriche imposte dalla piattaforma -e le inevitabili bufale- ma deve imparare a portare i propri fan “a casa propria”, cioe sul sito aziendale. Dove, creando valore per i propri clienti, riceve in cambio valore sotto forma di dati, engagament, e pubblicità gratuita. Alla fine del libro, quindi, il marketing manager avrà compreso che facebook è un mezzo: non un fine.

Fuga da facebook. The back home strategy
di Marco Camisani Calzolari
pubblicato da Carte Scoperte

È disponibile qui in versione digitale (6,49€), qui invece in versione cartacea (8,08€).

Quando un servizio online è gratis, significa che il prodotto sei tu

Interessante intervento di Rudy Bandiera sul suo blog (che vi consiglio di aggiungere ai vostri bookmark/feed)

Nel corso di We’re Open di Cesena, dove sono stato invitato a parlare de “l’individuo al tempo dei social” ad alcune classi delle superiore composte di ragazzi carichi di ormoni della crescita, ho parlato praticamente di due cose che sono credibilità (e quindi personal branding), e identità online depredata o in pericolo (quindi social network).

Molti di voi conoscono il detto che quando un servizio online è gratis, significa che il prodotto sei tu, vero? Partendo da questo presupposto ho spiegato un percorso interessante e formativo ai ragazzi (credo…): ho detto loro che i nuovi media sono una opportunità straordinaria mai esistita prima, ho spiegato che la nostra identità è fortemente legata alla nostra credibilità e che possiamo diventare quello che vogliamo, con il lavoro e con l’impegno e con il tempo. Ho anche detto, di contro, che tutto quello che scriviamo su Facebook (per fare un esempio) non è nostro, ma di Facebook. Ho spiegato che Google fattura 50 miliardi di dollari l’anno con i nostri dati, che Amazon ne fattura oltre 60 con il remarketing fatto sui nostri dati di Google, e che Google Plus sa non solo che cosa viene scritto, ma chi ha scritto cosa.

Ho spiegato che da grandi opportunità derivano anche grandi rischi, per mutuare la frase di un famoso film. Il fatto è che non esiste il modo per aggirare questo strapotere dei social, al momento: se li vogliamo usare dobbiamo stare alle loro regole. Ma al contempo dobbiamo prendere coscienza ed essere consapevoli di due cose:

1- I nostri dati sono la cosa più importante del mondo. I nostri dati sono nostri, ci rappresentano, sono noi stessi. Non li dobbiamo dare con leggerezza e se lo facciamo li dobbiamo dare consapevolmente. I nostri dati sono la nostra anima. Dareste l’anima con leggerezza? (ho voluto essere un po’ metafisico che sta sempre bene).

2- Se tutti iniziassimo a prendere consapevolezza dell’importanza dei nostri dati, potremo opporci allo strapotere delle aziende private, dei socia e delle lobby. Se l’inconsapevolezza porta a dire “se voglio usare Facebook devo stare alle sue regole e dargli tutto” la consapevolezza porterà a dire “se Facebook vuole che io gli dia i miei dati deve stare alle mie regole, e non viceversa“.

Nelle policy sulla privacy si gioca gran parte del nostro futuro. Meditate, gente.

 

 

SuperMario-Mario: il viral nato in DNA

Tutto comincia stamattina verso le 9:30, quando Emanuele, il mio socio in DNA Italia, arriva in ufficio e si mette al Mac: in quattro e quattr’otto sforna un paio di fotomontaggi, mixando le due notizie del giorno: da una parte Italia-Germania di ieri sera, con un Mario Balotelli superlativo, dall’altra le notizie provenienti da Bruxelles con il nostro premier Mario Monti impegnato in una super riunione sul futuro dell’economia europea.

Ecco i risultati del suo lavoro:

 

Subito le pubblica sul suo profilo Facebook e  in poco tempo si scatena il putiferio: in poche ore siamo arrivati a più di 8.000 condivisioni, ma soprattutto la foto è ripresa da tutti i maggiori quotidiani italiani online e dai più visitati portali. un viral che non si ferma più… un fotomontaggio che nel giro di poche ore ha letteralmente invaso il web!

Anche ninjamarketing ci contatta e ne viene fuori un’intervista “just in time”

Stiamo costruendo uno storify della faccenda: ci torneremo su a breve.
Intanto godetevi la galleria:

Corriere della sera



la Repubblica

virgilio.it

 

Logos Quiz, l’app per markettari

Sei un vero esperto di marchi e logo? Vuoi metterti alla prova?
Ho scovato questa simpatica app (iPhone, iPad e compagnia bella, gratuita): Logo Quiz.
Sistema molto elementare (devi scrivere il nome esatto della società/prodotto partendo dal suo marchio – o parte di esso, ove sia altrimenti “troppo facile) , ma prende molto, e non si riesce facilmente a staccarsene :-)

Ho appena sbloccato il terzo livello…
Buon gioco a tutti!

[aggiornato] Master Fashion Marketing

Il Politecnico Calzaturiero in collaborazione con l’Università Luiss Guido Carli di Roma, con DNA-ItaliaDigital Academy ha organizzato delle innovative attività di formazione, corsi e Master nel settore del fashion e della calzatura.

Nello specifico:
01. Master in Comunicazione e Marketing per il fashion e calzatura – 800 ore di cui 500 in aula
02.  Marketing e Social Media Marketing per il fashion e calzatura - 160 ore di cui 160 in aula
03.  La collezione vincente. strumenti e strategie per il fashion e la calzatura – 160 ore di cui 160 in aula

selezioni il 28 luglio 2011

Iscriviti subito alla pagina Facebook per essere informato.

Come partecipare:
1 – Scarica il volantino di presentazione in pdf
2 – Compila il modulo per partecipare alla selezione
3 – Vieni il  Giovedì 28 luglio 2011 alle ore 14:30 presso il Politecnico Calzaturiero – Via Venezia, 62 a Vigonza (PD) oppure alle ore 17:30 presso “Il Palco” in P.tta Cesare Battisti, 13. All’incontro parteciperanno anche docenti, giornalisti, blogger e specialisti del settore. La partecipazione è gratuita ma è necessario registrarsi seguente moduloalmeno 3 giorni prima dell’evento. E non dimenticare di portare una copia del tuo curriculum vitae.

IMPORTANTE Il 28 luglio ci sarà la presentazione del progetto e la preselezione.
Per partecipare devi compilare questo modulo.

La scadenza dell’iscrizione è il 4 agosto 2011.
Per maggiori informazioni: info@digital-academy.it

AGGIORNAMENTO:
Una presentazione/selezione si terrà Giovedì 28 luglio 2011 alle ore 17:30 presso “Il Palco” in P.tta Cesare Battisti, 13 a Mestre.
All’incontro parteciperanno anche docenti, giornalisti, blogger e specialisti del settore.
La partecipazione è gratuita ma è necessario registrarsi seguente modulo almeno 3 giorni prima dell’evento. E non dimenticare di portare una copia del tuo curriculum vitae.

 

Di seguito le presentazioni dettagliate.

Read the rest of this entry »

Benvenuto !

Questo blog è tenuto dallo staff di DNA italia, agenzia di comunicazione di Venezia.
E' nostra intenzione raccogliere informazioni e suggestioni dal mondo della comunicazione e dell'innovazione, magari tentando di aggiungerci quei famosi "2 cents" che i molti anni di esperienza nel campo ci hanno regalato.

Dropbox

Hai bisogno di scambiare file pesanti?

Ti consiglio di usare Dropbox! Secondo me il miglior servizio attualmente disponibile.
Fino a 16 Gb gratuiti!

clicca qui per iniziare