graficare | la comunicazione è nel nostro DNA

Icon

Spot tedesco contro l’alta velocità

Crudo, ma efficace!
Troppo spesso le campagne di sensibilizzazione nostrane, alcune peraltro meritorie e ben fatte, sono un po’ troppo “all’acqua di rose”: sono convinto che per certi messaggi è meglio un pugno nello stomaco che un bonario ammonimento!

buoni esempi: jobsintown.de

Buona idea, ottima realizzazione.

jobsintown1

jobsintown2
jobsintown3

Agenzia: Scholz & Friends Berlin Gmbh
Cliente: jobsintown.de
(febbraio 2006)

Dire Basta!

via socialdesignzine

“Fondiamo un movimento del basta”

Dobbiamo solo dire a voce alta BASTA.
Senza gridare.
Dobbiamo scrivere BASTA .
Senza sporcare i muri.
Ognuno lo scriva con il carattere che vuole.
Lo firmi come vuole.
Facciamone un marchio/logotipo depositato.
BASTA. Troppo breve?
Scriviamo BASTA.
Lasciamolo uscire come una minzione liberatoria.
Ridiamoci sopra dandoci la mano.
Non facciamoci strumentalizzare.
Liberiamo la nostra creatività.
Diciamo BASTA a quello che non ci piace.
Comunichiamo con un BASTA! la nostra voglia di cambiare.

Gruppo BASTA
Giancarlo Iliprandi, Jacopo Pavesi, Giulio Pierrottet, Stefano Totaro, Francesco Roveta, Jeanet Tello, Edoardo Sandon, Francesca Cattaneo, Claudia Tavella, Gabriele Carbone,Matteo Riva,Davide Rusconi, Marco Pelà.

Movimento Creativo,
aperto a Tutti quelli che vogliono dire un BASTA.
Per informazioni e collaborazione: jacopo@gianiepavesi.com

Ascensore o scale?

Bello questo esempio di campagna “ambientale”.

Take action. Love your heart.
Advertising Agency: Lowe, Istanbul, Turkey
Creative Director: Can Apaydin
Art Director: Tuncay Köksal
Released: April 2008

Io non censuro

A dire il vero anche solo parlare di censura mi mette tristezza. Faccio solo un eccezione: quando si tratta di pubblicità: anch’io sono del mestiere, ma convengo che ogni tanto anche i copy esagerino.

La notizia innanzitutto: una campagna (quella che vedete nel poster) di telefono donna, per sensibilizzare sull’enorme problema delle violenze ai danni delle donne, soprattutto perpetrati tra le mura domestiche. Il soggetto: una donna sdraiata su un letto, nella posizione che richiama la crocefissione.

A Milano un putiferio: il comune, per voce dell’assessore Cadeo, decide di ritirare il patrocinio (= spazi affisione gratuiti).

Non è certo la prima volta che assistiamo a polemiche attorno ad un soggetto pubblicitario. Da ben prima di Toscani, che comunque si può considerare maestro indiscusso.
C’è un però: magari è solo una mia impressione, ma un conto è “provocare” per fini meramente commerciali, un conto è quando si parla di serissime campagne di sensibilizzazione.

Mi piacerebbe anzi che alcune campagne di sensibilizzazione (droga, alcool, guida, hiv (è un problema risolto? non ne parla più nessuno!), violenze sui minori etc.) fossero un po’ più crude: troppe le campagne edulcorate che alla fine fanno poca presa! (ma magari ci torniamo su, con una serie di esempi soprattutto dal mondo anglosassone e scandinavo, che non vanno certo leggeri)

Giusto? Sbagliato? Non mi permetto di dare giudizi assoluti.
Però io intanto non censuro.

Visto che parliamo soprattutto di grafica e dintorni: dell’agenzia  Arnold WorldWide

Benvenuto !

Questo blog è tenuto dallo staff di DNA italia, agenzia di comunicazione di Venezia.
E' nostra intenzione raccogliere informazioni e suggestioni dal mondo della comunicazione e dell'innovazione, magari tentando di aggiungerci quei famosi "2 cents" che i molti anni di esperienza nel campo ci hanno regalato.

Dropbox

Hai bisogno di scambiare file pesanti?

Ti consiglio di usare Dropbox! Secondo me il miglior servizio attualmente disponibile.
Fino a 16 Gb gratuiti!

clicca qui per iniziare