Emotional design

“Quello che ciascuno di noi è, è determinato anche dagli oggetti che usiamo: li scegliamo, li apprezziamo non solo per la funzione che svolgono per noi, ma anche per le sensazioni che ci danno.”

Verissima questa cosa! Io mi sono appena imbattuta in un trasloco e l’ho provato sulla mia pelle. Ci sono cose a cui proprio non si può rinunciare. Sono come la coperta di Linus. Ebbene sì ci si può affezionare anche agli oggetti. I fattori sono tantissimi e i designer lo sanno bene – colore, forma, materiali, ricordi..

Il libro che oggi vi consiglio è Emotional Design di Donal Norman, psicologo e uno dei maggiori esperti di ergonomia e interazione uomo-macchina.

L’autore riconosce che le sue concezioni precedenti – ben espresse ne La caffettiera del masochista, Vivere con la complessità e Il design del futuro – tutte impostate sulla funzionalità e sull’usabilità, erano limitate e limitative: “non si può non tenere conto del piacere che ci procurano o meno gli oggetti che usiamo quotidianamente”.

Ecco dove potete trovare i libri sopracitati:

Buona lettura a tutti!

Condividi su:
  • Print
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Google Buzz
  • del.icio.us

Author: martina

Share This Post On

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>